Cerca
  • artemartours

Passeggiata in battello lungo il Bacchiglione e merenda in fattoria


Padova città d’acque, passeggiata in battello

da Padova Porte Contarine a Selvazzano e merenda in fattoria


Nel Veneto, Padova è una grande città d’acque; navigare lungo i canali di Padova, ci permette di scoprire una dimensione nuova della città vista dall’acqua, un modo diverso per scoprire le mura, le rive e le strade che un tempo caratterizzavano il volto della città. Il Canale Piovego è il suo corso principale e lambisce il centro storico penetrando il tessuto urbano. Il Canale, venne scavato nel 1209 dai padovani per congiungere la loro città al fiume Brenta e quindi alla laguna veneziana.


Imbarco nella Burchiella Casanova e inizio della navigazione dalla Conca delle Porte Contarine antico porto di Padova a ridosso del Ponte di “Corso del Popolo”, poco distante dalla Cappella degli Scrovegni di Giotto. La Conca delle Porte Contarine costruita nel 1526 da Jacopo Dondi dell’Orologio è una delle più importanti testimonianze della storia dell’idraulica veneta.

Navigando lungo il corso d’acqua, si può ammirare il celebre complesso portuale e monumentale di Porta Portello, la più bella porta della città, arricchita dalla splendida scalinata cinquecentesca in pietra d’Istria e dal suggestivo capitello qui ubicato. La porta, per essere interamente apprezzata, va vista dal fiume e i suoi fregi arrivano infatti al pelo dell’acqua fino ad immergersi.

Sulle sponde della Porta, venne creato il Porto civile e commerciale del Portello accesso sicuro e protetto alla città e sede di una corporazione di “barcari”. Continuando la navigazione ammirando le antiche mura medievali di Padova ed i suoi bastioni risaliamo lungo il Canale di San Gregorio fino ad incontrare la Conca di Navigazione di Voltabarozzo. Questo Sostegno è stato realizzato per compensare il salto di circa 5 metri che separa i due canali di S.Gregorio e Scaricatore. Entriamo quindi nella Conca dopo che la coppia di porte idrauliche sia stata completamente aperta. Dopo aver effettuato la concata, continuiamo il nostro percorso nella parte sud di Padova, per giungere al Bassanello, quest’ultimo antico borgo dei vecchi barcaioli della prima metà del ‘900.

Da questa località, si inizia la risalita del fiume “Bacchiglione” e subito si incontra lo “Squero Nicoletti”, storico cantiere per la riparazione e costruzione di barche in legno. Dopo la cavana (ricovero per barche) del club canottieri ci si immerge nelle singolari anse e nelle ampie golene del fiume. Superato il punto di confluenza con il Canale Brentella, il battello procede lento, spesso accompagnato da allegre brigate di canoisti e vogatori. Ci si addentra poi in un percorso meandriforme, composto da anse fluviali e rive folte di salici, pioppi, platani, ed ontani. Continuiamo il nostro suggestivo percorso fluviale naturalistico fino a sbarcare in località Selvazzano.

Piacevole passeggiata di una decina di minuti lungo la stradina alberata che corre lungo l’argine del fiume che permette di raggiungere la fattoria.

Giungeremo in una dimora rurale posta lungo l’argine del fiume che ospita molti animali, tra i quali asini, maiali, conigli, pavoni

Su richiesta: merenda con prodotti locali

Dopo la passeggiata guidata della fattoria, navigazione di rientro.


L'escursione viene garantita anche in caso di pioggia



Informazioni e prenotazioni :


tel 049 616120 - cell 348.5217323

info@artemartours.it - www,artemartours.it


Facebook: Artemartours

4 visualizzazioni

Post recenti

Mostra tutti